I sauditi dicono che Aramco IPO è “il più propizio” nel 2019

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€

Servizio CFD. Il tuo capitale è a rischio
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

L’offerta pubblica iniziale molto pubblicizzata di Saudi Aramco è “molto probabile” per il 2019, il ministro saudita dell’energia Khalid Al-Falih disse Venerdì, probabilmente confermando che i piani per l’IPO sono stati spinti da quest’anno a quello successivo.

“Stiamo semplicemente aspettando la disponibilità del mercato per l’IPO”, ha detto al-Falih al Forum economico internazionale di San Pietroburgo in Russia.

Dal momento che i sauditi inizialmente hanno lanciato l’idea di elencare il 5% nel loro gigante petrolifero statale, i funzionari hanno insistito sul fatto che l’IPO si svolgerà nella seconda metà del 2018, fino a marzo allo stesso al-Falih lasciato intendere che potrebbe esserci un ritardo e la vendita delle azioni potrebbe scivolare fino al 2019.

Già a marzo, ha detto al-Falih Bloomberg che la scadenza dell’H2 2018 era “artificiale” e che “L’unica cosa certa dell’IPO saudita di Aramco è che a) succederà, b) il mercato di ancoraggio sarà lo scambio Tadawul in Arabia Saudita”.

Due mesi dopo, i prezzi del petrolio hanno raggiunto il livello che si dice che l’Arabia Saudita abbia puntato da sempre a incrementare la valutazione del greggio Aramco-Brent a 80 $ al barile.

Vari analisti si sono chiesti se i sauditi riusciranno a ottenere quest’anno il 5% di Aramco, tra le speculazioni su quale mercato azionario straniero sceglieranno i sauditi, se ce ne saranno, e se il prezzo del petrolio sarebbe abbastanza alto da supportare una valutazione elevata per l’azienda.

Relativo: L’OPEC può facilitare i tagli dell’olio appena a giugno

La vendita pianificata del 5% di Aramco – in quella che sarebbe probabilmente la più grande IPO del mondo – potrebbe portare all’Arabia Saudita 100 miliardi di dollari se la valutazione dell’azienda da parte dei funzionari sauditi ammonta a 2 trilioni di dollari. Gli analisti, tuttavia, apprezzano molto meno il gigante petrolifero del Regno, con la maggioranza che mette la valutazione tra 1 miliardo di dollari e 1,5 trilioni di dollari.

Gli analisti si sono anche preoccupati di come la borsa nazionale saudita potrebbe gestire da solo un elenco di Aramco tra le notizie secondo le quali i piani per una sede straniera sono stati accantonati. Alcune delle maggiori preoccupazioni per gli investitori riguardo ad una quotazione solo saudita sono la possibile mancanza di liquidità sufficiente a causa della piccola capitalizzazione di mercato totale della borsa di Tadawul e una ponderazione sovradimensionata di Aramco nell’indice.

Lascia un commento