Le Materie Prime Pagano il Prezzo Cinese

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

La frenata dell'economia cinese relativa all'anno in corso ha anche frenato il mercato delle materie prime, dato che la Cina è uno dei paesi che consumano più commodities in assoluto, soprattutto per la produzione industriale. Quando si parla di oro, argento, rame, palladio, non si può non parlare di Cina. Per questo motivo, sono caduti diversi prezzi come il minerale di ferro e il rame.

La frenata dell'economia cinese relativa all'anno in corso ha anche frenato il mercato delle materie prime, dato che la Cina è uno dei paesi che consumano più commodities in assoluto, soprattutto per la produzione industriale. Quando si parla di oro, argento, rame, palladio, non si può non parlare di Cina. Per questo motivo, sono caduti diversi prezzi come il minerale di ferro e il rame. Ultimamente, la Credit Suisse ha discusso dell'argomento materie prime al fine di cercare di intuirne un andamento per il 2013-2015. Su grandi linee, si può dire che il prezzo delle materie prime rimarrà costante per 6-12 mesi, per poi subire un contraccolpo di volatilità dai mesi successivi. Attenzione, si parla di volatilità e non di ribasso. L'unica materia prima alla quale si associa un ribasso quasi sicuro è l'oro, che molti analisti prevedono con un prezzo finale attorno ai 1.000$ l'oncia. Per contro, una materia prima che dovrebbe continuare ad avere successo sarà il palladio, per via della crescita costante dell'industria automobilistica cinese. Un altro fattore per il rialzo di questo prezzo, sta negli scioperi dei lavoratori sudafricani nelle miniere della stessa materia prima. Per quanto riguarda il petrolio, s è passati da 118 dollari (gennaio) a 100 dollari (luglio) e molti analisti prevedono un ribasso a 6 mesi non indifferente. Speriamo che questo effetto si ripercuota anche sulla benzina che paghiamo ogni giorno. Per negoziare su materie prime, potete iniziare dallo strumento qui in basso (cliccate F5 per aggiornare la pagina nel caso non lo visualizziate).