L’India non pagherà per l’olio venezuelano con la criptovaluta “Petro”

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

L’India non prevede di utilizzare la criptovaluta venezuelana per pagare le importazioni di greggio dalla nazione latinoamericana di cui è un grande cliente abituale, il ministro degli esteri indiano Sushma Swaraj disse di lunedi.

La banca centrale indiana ha emesso un ordine in cui afferma che non consente il commercio di criptovaluta, ha detto Swaraj in una conferenza stampa, citando questo ordine.

Recentemente, le importazioni di petrolio dall’India in Venezuela sono crollate livello più basso dal 2012.

Il Venezuela affronta le sanzioni finanziarie statunitensi sempre più severe e sta cercando di eluderle offrendo ai clienti della sua produzione petrolifera in declino di pagare nella criptovaluta di El Petro, propagandata da Nicolas Maduro come la prima moneta digitale sovrana che sia sostenuta dalle riserve petrolifere.

L’India, d’altro canto, si trova di fronte a un conto delle importazioni di petrolio greggio sempre più grasso, dal momento che i prezzi del petrolio si sono riorganizzati negli ultimi mesi e peggiorato i conti correnti indiani, con i funzionari già preoccupati che gli alti prezzi del petrolio ei prezzi del carburante a cinque anni i massimi hanno iniziato a influenzare la crescita economica.

Il ministro del Petrolio indiano Dharmendra Pradhan lamentato all’inizio di questo mese al ministro dell’Energia Saudita, Khalid al-Falih, che il rally dei prezzi del petrolio stava danneggiando l’economia indiana, e ha ribadito la necessità di prezzi “stabili e moderati”. Correlati: Maduro promette di raddoppiare la produzione di petrolio con l’aiuto dell’OPEC

Il mese scorso, i media indiani hanno riferito che il Venezuela aveva offerto l’India a 30 per cento sconto sugli acquisti di petrolio greggio, ma solo se l’India si impegna a pagare in El Petro. L’India ha rifiutato.

Il Venezuela, da parte sua, ha anche di recente suggerito che era disposto ad accettare rupie per il petrolio che vende in India, un altro modo per aggirare le sanzioni statunitensi sul commercio basato sul dollaro. La nazione sudamericana potrebbe quindi utilizzare le sue rupie per acquistare prodotti alimentari e medicinali indiani, i media indiani hanno citato l’inviato del Venezuela Augusto Montiel come detto la scorsa settimana.

Lascia un commento