Putin: la Russia potrebbe prendere in considerazione la liberalizzazione delle esportazioni di gas

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€

Servizio CFD. Il tuo capitale è a rischio
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

La Russia lo farà guarda nella possibilità di aprire le esportazioni di gasdotti a società diverse dall’attuale gigante del gas esclusivo esportatore-stato Gazprom – il presidente russo Vladimir Putin ha detto al CEO di France’s Total, Patrick Pouyanné, in un forum economico in Russia venerdì.

Durante il Forum economico internazionale di San Pietroburgo, Pouyanné ha chiesto a Putin di autorizzare un’impresa comune del produttore di gas totale e russo Novatek a esportare gas dalla Russia attraverso il gasdotto verso l’Europa.

A margine del forum, Total e Novatek firmato Giovedì un accordo che delinea le condizioni per il petrolio e il gas maggiore francesi per acquistare un interesse operativo diretto del 10% in Arctic LNG 2, un progetto di gas naturale liquefatto guidato da Novatek nella penisola di Gydan, nel nord della Siberia, la cui decisione finale di investimento è previsto per il 2019.

Total ha anche una quota del 20 percento nel progetto di Yamal LNG di Novatek che ha iniziato ad esportare GNL alla fine del 2017.

Mentre la Russia sta espandendo le sue capacità di GNL, le esportazioni di gas da pipeline sono attualmente il diritto esclusivo di Gazprom, che detiene circa un terzo del mercato europeo del gas.

Gazprom ha eluso una sanzione ieri nella risoluzione della controversia antitrust durata sette anni con l’Unione Europea (UE), dopo che il gigante russo del gas ha accettato di cambiare il comportamento del mercato e garantire prezzi competitivi del gas nell’Europa centrale e orientale. La Commissione europea (CE) imposto Giovedì obblighi giuridicamente vincolanti su Gazprom per affrontare i problemi di concorrenza e consentire il libero flusso di gas a prezzi competitivi.

Relativo: L’isola del Pacifico cerca l’affare migliore con Exxon sull’espansione di LNG

Durante il forum a San Pietroburgo oggi, Putin ha anche detto che lo è non ho intenzione di tagliare il transito del gas russo verso l’Europa attraverso l’Ucraina ed era pronto a parlare con l’Ucraina sulla questione che ha messo a dura prova le relazioni energetiche tra i due paesi.

Inoltre, Putin ha anche osservato che la Total francese e altre società sarebbero benvenute ad aderire al controverso progetto Nord Stream 2 di Gazprom per un gasdotto tra la Russia e la Germania attraverso il Mar Baltico, che è diventato il centro di dibattiti accesi tra Russia, Stati Uniti e funzionari dell’UE ultimamente.

Nord Stream 2 AG ha attualmente finanziamenti accordi per il progetto con le società europee ENGIE, OMV, Shell, Uniper e Wintershall.

Lascia un commento