Segretario per l’energia degli Stati Uniti Perry To Saudis: Vogliamo forniture e prezzi stabili

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€

Servizio CFD. Il tuo capitale è a rischio
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

Il Sottosegretario all’Energia, Rick Perry, ha ribadito la “necessità di un approvvigionamento stabile e di valori di mercato” durante i colloqui con il ministro saudita dell’energia Khalid Al-Falih in Arabia Saudita, il Dipartimento per l’energia degli Stati Uniti disse Lunedì, in un primo incontro U.S.-Arabia Saudita dopo l’OPEC + di venerdì, si tratta di tagliare nuovamente la produzione di petrolio.

Né i dipartimenti degli Stati Uniti, né il presidente Donald Trump hanno ufficialmente commentato il accordo dell’OPEC e dei suoi partner non OPEC per tagliare un totale di 1,2 milioni di bpd della loro produzione di petrolio a partire da gennaio 2019 per un periodo iniziale di sei mesi con un’opzione da rivedere ad aprile.

Il segretario all’energia Perry ha effettuato una visita in Medio Oriente con due soste nel fine settimana e ha tenuto incontri bilaterali con al-Falih e il CEO di Saudi Aramco e altre parti interessate del settore energetico che operano in Arabia Saudita.

“Durante i colloqui, il Segretario ha dichiarato che gli Stati Uniti continuano a considerare l’Arabia Saudita un alleato importante, in particolare nello spazio energetico. Perry e Al-Falih hanno parlato dell’annuncio OPEC dei tagli di produzione della scorsa settimana e Perry ha ribadito la necessità di un’offerta stabile e di valori di mercato. Hanno anche discusso dell’aumento del 2018 nella produzione petrolifera saudita e dell’impatto che ha avuto sui mercati mondiali a seguito delle sanzioni iraniane “, ha detto il Dipartimento di energia degli Stati Uniti.

Perry e al-Falih hanno anche continuato il dialogo su un possibile accordo tra Stati Uniti e Arabia Saudita sull’energia nucleare per scopi civili.

La cooperazione con gli Stati Uniti nel campo dell’energia nucleare è possibile solo per i paesi che firmano il cosiddetto accordo 123, che stabilisce una chiara distinzione tra l’utilizzo della tecnologia nucleare a fini civili e militari e vincola il firmatario a utilizzare la tecnologia per solo per scopi civili.

Prima di approdare in Arabia Saudita, il segretario Perry era in Qatar, il quale ha detto proprio la scorsa settimana che avrebbe abbandonato l’OPEC a partire da gennaio.

“Il segretario Perry ha sostenuto l’espansione delle partnership congiunte con gli Stati Uniti, in quanto il Qatar cerca di far crescere le proprie operazioni di GNL in tutto il mondo”, ha affermato il Dipartimento dell’Energia.

Lascia un commento