Total unisce il progetto LNG artico russo da 25 miliardi di dollari

Migliori Piattaforme Di Trading Online Italiane 2018

Broker Caratteristiche Screenshot Apertura Conto
+ · Ampia scelta Materie Prime
· Leva 1:300
· Conto demo gratuito illimitato
· Senza Commissioni
· Deposito Min. 100€

Servizio CFD. Il tuo capitale è a rischio
· Trend dei trader
· Trading Nel Weekend
· Piattaforma Professionale
· Zero Commissioni
· Deposito Min. 100€

French Total comprerà una quota del 10 percento nel progetto LNG-2 di Novatek in Russia nell’Artico, il capo di Novatek, Leonid Mikhelson, ha detto, come citato di Reuters. Il presidente della Francia Emmanuel Macron è in visita in Russia per il forum economico di San Pietroburgo questa settimana e l’accordo Total è stato firmato durante la sua visita.

Total detiene già una quota del 20 percento a Novatek ed è uno dei partner che sviluppa il primo progetto GNL della società a Yamal, insieme a CNPC cinese e Silk Road Fund. Questo secondo accordo per Arctic LNG-2 potrebbe essere finalizzato nel primo trimestre del 2019, ha detto Mikhelson, aggiungendo che il progetto potrebbe valere circa 25,5 miliardi di dollari. La decisione finale di investimento può essere presa nella seconda metà del 2019.

Total, ha detto anche il CEO di Novatek, avrà un’opzione per aumentare la propria partecipazione nel progetto del 5%, ma la compagnia russa intende mantenere una quota di almeno il 60% in Arctic LNG-2.

Recentemente, Total è stato costretto a riconsiderare la sua partecipazione allo sviluppo del campo di South Pars in Iran dalla reimposizione delle sanzioni economiche all’Iran da parte del Presidente Trump. La società non è ancora uscita dal progetto, ma ha dichiarato che dovrà farlo a meno che il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti non conceda una deroga. L’UE sta anche cercando di proteggere le sue compagnie dalle sanzioni iraniane.

Correlati: chi è la colpa per i prezzi elevati della benzina?

L’industria russa del GNL non è soggetta a sanzioni, che si concentrano su petrolio e gas non convenzionali, ma, come l’amministratore delegato di Total Patrick Pouyanne ha detto ai giornalisti a San Pietroburgo, “nulla è sanzione a prova di proiettile”.

Yamal LNG è entrato in funzione lo scorso dicembre e ha già spedito due milioni di tonnellate di GNL. L’impianto, una volta completato, avrà una capacità annua di 16,5 milioni di tonnellate di carburante liquefatto.

Arctic LNG 2 potrebbe avere una capacità di 19,8 milioni di tonnellate e potrebbe entrare in funzione nel 2023.

Lascia un commento